Favi riscaldati per ridurre la mortalità delle api

16.10.2018
Tempo di lettura: 2 minuti

Vontobel è membro fondatore della Fondazione svizzera per il clima, che supporta finanziariamente un prodotto innovativo: un favo riscaldato. Il calore infatti scaccia l'acaro varroa dalla casetta delle api. In tal modo l'innovazione della start-up svizzera Vatorex riduce la mortalità delle api e quindi contribuisce alla tutela dell'ambiente.

image

Il fondatore della start-up Pascal Brunner con il favo riscaldato da lui sviluppato.

More than money: le api con il loro lavoro generano un'immensa creazione di valore e tra le altre cose proteggono anche il clima. Ma chi protegge le api dal pericoloso acaro varroa? Questo acaro si annida nella nidiata delle api e danneggia le colonie - ogni anno un quinto della popolazione di api in Europa muore a causa sua. Finora gli apicoltori dovevano trattare con acido le arnie per combattere gli acari. Ma la sostanza chimica non ha certo effetti positivi sulle api.

Quando due apicoltori e un ingegnere elettrico ragionano insieme

I due apicoltori di Winterthur, Willi e Pascal Brunner, hanno sviluppato insieme all'ingegnere elettrico Renato Cortesi una soluzione contro il problema di questi acari. È naturale e basata sul calore: un filo a incandescenza che viene inserito nella cera scalda il favo di covata dall'interno portandolo a 41°C. Dopo tre ore gli acari sono morti e le api stanno benissimo. È una bella notizia anche per gli apicoltori che avranno popolazioni più vitali e una maggiore quantità di miele.

Le api sono eroine del clima

La Fondazione svizzera per il clima supporta lo sviluppo della Vatorex-Box con CHF 150'000 e facendo conoscere il prodotto. «Le piante da fiore assorbono grandissime quantità di CO2», dichiara Vincent Eckert, amministratore della Fondazione. «Senza api le piante da fiore non potrebbero sopravvivere e quindi non potrebbero più assorbire CO2.»

Vontobel è membro fondatore della Fondazione svizzera per il clima

La Fondazione svizzera per il clima supporta dal 2008 progetti di piccole e medie imprese (PMI) che contribuiscono alla tutela del clima. Dalla sua costituzione, nel 2008, la Fondazione ha già supportato circa 1300 PMI in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein con contributi finanziari per un ammontare di 17 milioni di franchi. Vontobel è uno degli undici membri fondatori della Fondazione, che è nata poco dopo l'introduzione della tassa sul CO2. I fondi di sostegno provengono da 27 grandi prestatori di servizi che donano il denaro che hanno ottenuto grazie alla ridistribuzione della tassa sul CO2.

  

Da soluzioni d'investimento sostenibili all'impegno per il bene comune fino alla sostenibilità ecologica: presso Vontobel la responsabilità imprenditoriale vanta una lunga tradizione che viene espletata in tutta la sua varietà e riceve regolarmente riconoscimenti.